cashmere, umbria, cachemire umbria, export, filati

CACHEMIRE VALLEY, STORIA E INNOVAZIONE SI FONDONO NELL'ECCELLENZA PERUGINA

di Antonti Andrea per Ulissemag

Circa 1.700 aziende con una media di 6-20 addetti ciascuna, per un fatturato di 500.000.000 di euro nel 2015 e una vera e propria capitale, Perugia, in cui si concentra l’83% del distretto (dati Centro Estero Umbria[1]): è questo il “peso” economico della cosiddetta Cachemire Valley, lo storico comparto del cachemire e dei filati pregiati made in Perugia che, evidenziano i dati Exportpedia, nei primi 9 mesi del 2016 ha fatto registrare esportazioni globali per 108.4 milioni di euro, il doppio rispetto allo stesso periodo del 2008.

Exportpedia Perugia
 

Circa un terzo dei 45,1 milioni di euro dell'export globale registrato nel terzo trimestre 2016 è definito dal flusso delle esportazioni verso gli Stati Uniti, passato dai 2,7 milioni di euro del terzo trimestre 2008 ai 14,7 milioni dello stesso periodo dello scorso anno. Un incremento che evidentemente dà ragione alla scelta di puntare su un mercato di nicchia – quello dei filati pregiati e del cachemire, di cui l’Italia è primo trasformatore al mondo – sull’innovazione (anche digitale) del processo produttivo e sull’elevata qualità del prodotto finito.

Una tradizione tessile che risale alla prima metà del ‘900 (ma che può essere ricondotta alla tessitura di arazzi e tovaglie del XII secolo) e che oggi si basa anche su importanti brand internazionali come Brunello CucinelliLuisa Spagnoli – che negli anni ‘70-’80 getta le basi per lo sviluppo dell’intero distretto – o Lamberto Losani (il cui 70% del fatturato proviene proprio dall’export), grazie ai quali è stato possibile dare vita nell’area ad una filiera completa, in grado di coprire l’intero processo produttivo, con un evidente impatto positivo non solo economico ma anche sociale ed occupazionale.
Un’attenzione al territorio a cui si lega quella ai diritti del consumatore, testimoniata fin dal 2004 dalla promozione del progetto “TF – Traceability & Fashion”, promosso da Unioncamere e dalle Camere di Commercio Italiane e – come si legge sull’Osservatorio Nazionale Distretti Italiani – volto a «garantire la massima trasparenza al consumatore, attraverso uno schema di certificazione volontaria per quanto riguarda i luoghi in cui avvengono le principali fasi del processo produttivo, nonché le caratteristiche essenziali del prodotto in tema di salubrità, sostenibilità ambientale e responsabilità sociale di impresa».

Un’eccellenza italiana che si fa conoscere e festeggia se stessa attraverso l’Umbria Cachemire District Award, sponsorizzato dalla Umbria Trade Agency per promuovere il cachemire umbro nel mondo. L’evento prevede ogni anno la premiazione di quegli studenti che si distinguono nella reinterpretazione originale del cachemire, provenienti dalle più prestigiose accademie internazionali di fashion design, a cui viene offerto uno stage nelle imprese del distretto tessile umbro.

[1] Il Centro Estero Umbria è un’associazione di supporto alle piccole e medie imprese locali formato da Regione Umbria in partnership con le Camere di Commercio di Perugia e Terni.

Share:

ELENCO NEWS

29

AGO 2018

Nexo Corporation ti aspetta a FaRete2018 il 5 e 6 settembre a Bologna

Ci trovi al PADIGLIONE 15 - STAND R36. Vieni a scoprire i nostri innovativi servizi dedicati alla Linguistica, Internazionalizzazione, Comunicazione, Digitalizzazione e Marketing.

Read More

16

LUG 2018

Quanto può essere difficile un servizio di interpretariato?

Quello dell'interprete è un lavoro complesso. Per svolgerlo professionalmente sono necessarie dedizione e abilità.In quest'articolo analizziamo le sfide che deve costantemente affrontare chi si occupa di servizi di interpretariato

Read More

09

LUG 2018

Le lingue più parlate sul web e perché dovresti pensare di tradurre il tuo sito

Quali sono le lingue più utilizzate sul web? In quale lingua è più corretto tradurre o localizzare il mio sito web?? Sono queste alcune delle domande che negli ultimi tempi tormentano le professionalità che dal web traggono il loro pane quotidiano.

Read More